Melatonina per dormire: cos’è, benefici, effetti e dosaggio

La melatonina è un ormone prodotto naturalmente dalla ghiandola pineale, all’interno del nostro cervello che, insieme ad un altro ormone chiamato cortisolo, regola le fasi di sonno e veglia del nostro organismo, creando ciò che viene comunemente chiamato ritmo circadiano.

La produzione di melatonina nell’organismo non è sempre regolare e viene influenzata da fattori ambientali e fisiologici, ad esempio la luminosità dell’ambiente o l’età. Con l’invecchiamento, infatti, i livelli di melatonina naturalmente presenti nel nostro organismo diminuiscono, potendo creare difficoltà nel dormire o, in casi più gravi, contribuendo allo sviluppo dei disturbi del sonno.

Gli integratori a base di melatonina contengono la stessa sostanza naturalmente prodotta dal corpo, aiutando a preparare il tuo organismo alla fase del sonno e agevolando il riposo notturno.

La melatonina per dormire può essere un alleato per chi ha problemi di sonno ed è alla ricerca di metodi per dormire meglio. Tra gli effetti principali della melatonina troviamo:

  • Riduzione dei tempi di addormentamento. Con una vita frenetica fatta di lavoro fino a tardi, sveglie che suonano all’alba e il costante utilizzo di display a luce blu (grandi nemici del sonno!), possono verificarsi periodi in cui si fa più fatica ad addormentarsi. Gli effetti della melatonina sono quelli di preparare l’organismo alla fase del sonno e del riposo, inviando un segnale al nostro corpo a rallentare il ritmo.
  • Un aiuto nelle alterazioni del sonno. Con l’avanzare dell’età il nostro organismo produce meno melatonina e il sonno può durare meno del previsto nei soggetti in età adulta o anziana. Anche turni di lavori particolari, situazioni stressanti o temporanee come il jet lag possono alterare il sonno e influire sulle ore necessarie a garantire un buon riposo. La melatonina agisce come un semaforo per il nostro organismo, aiutandoci a mantenere un ciclo sonno-veglia equilibrato.
  • Regolarizzazione del sonno notturno. La melatonina rende la fase del sonno più stabile e aiuta al mantenimento del sonno, diminuendo la probabilità dei fastidiosi risvegli notturni che impediscono di godere dell’effetto riposante che la notte dovrebbe avere e possono nel lungo periodo creare problemi di salute.
  • Stabilizzazione del ritmo circadiano. Prendere la melatonina con costanza aiuta l’organismo a mantenere ritmi salutari di sonno e di veglia, per avere sempre le energie a disposizione nel momento in cui servono e prepararsi ad allentare il ritmo quando arriva il momento di coricarsi.

La dose di melatonina consigliata per agevolare il sonno è di 1 mg. La ricerca scientifica ha evidenziato che la melatonina assunta in piccole dosi favorisce il riposo notturno: 1mg di melatonina e' infatti l'esatto dosaggio che si trova in diversi rimedi per dormire, reperibili in farmacia come integratori alimentari.

Oltre alla corretta dose, è indispensabile anche seguire una corretta modalità di assunzione. Per agevolare il sonno è necessario prendere una pastiglia da 1mg circa 30 minuti prima di coricarsi; la melatonina necessita infatti di circa mezz’ora per esercitare il suo effetto. Non creando dipendenza o assuefazione è possibile assumere melatonina con regolarità evitando tuttavia un suo utilizzo continuativo.

Per quanto la melatonina sia un rimedio naturale per dormire e sia fisiologicamente presente nel nostro organismo, soggetti particolarmente sensibili, consumatori cronici o l’uso scorretto potrebbero far emergere alcuni effetti indesiderati. I sintomi più comuni sono:

  • Mal di testa
  • Vertigini
  • Nausea
  • Sonnolenza

Altri effetti indesiderati meno comuni o dovuti ad un sovradosaggio della melatonina includono debolezza, secchezza delle fauci, lieve depressione o ansia, tachicardia, ipertensione. Si raccomanda di attenersi quindi alle dosi raccomandate di 1 mg al giorno.

A differenza della melatonina, ormone naturalmente prodotto dal nostro cervello, la valeriana è un’erba officinale nota già a Greci e Romani per le sue proprietà rilassanti. Seppur diversi, entrambi sono considerati rimedi naturali e vengono spesso trovati in combinazione negli integratori per dormire come nelle pastiglie di ZzzQuil NATURA che contengono oltre alla melatonina, un mix di erbe tra cui la valeriana.

L’associazione tra melatonina e vitamina B6 aiuta a ridurre il senso di affaticamento; la formula di ZzzQuil NATURA aiuta ad agevolare un risveglio riposato evitando la sensazione di stanchezza e sonnolenza il giorno successivo. La vitamina B6, infatti, contribuisce al normale metabolismo energetico e permette di combattere la stanchezza e l'affaticamento, aiutando il nostro corpo a mantenere la giusta energia durante il giorno.

  • EFSA Panel on Dietetic Products, Nutrition and Allergies (NDA). "Scientific Opinion on the substantiation of a health claim related to melatonin and reduction of sleep onset latency (ID 1698, 1780, 4080) pursuant to Article 13 (1) of Regulation (EC) No 1924/2006." EFSA Journal 9.6 (2011): 2241.
  • EFSA Panel on Dietetic Products, Nutrition and Allergies (NDA). "Scientific Opinion on the substantiation of health claims related to vitamin B6 and contribution to normal homocysteine metabolism (ID 73, 76, 199), maintenance of normal bone (ID 74), maintenance of normal teeth (ID 74), maintenance of normal hair (ID 74), maintenance of normal skin (ID 74), maintenance of normal nails (ID 74), contribution to normal energy‐yielding metabolism (ID 75, 214), contribution to normal psychological functions (ID 77), reduction of tiredness and fatigue (ID 78), and …." EFSA Journal 8.10 (2010): 1759.
  • Jan, James E., Hilary Espezel, and R. E. Appleion. "The treatment of sleep disorders with melatonin." Developmental Medicine & Child Neurology 36.2 (1994): 97-107.
  • Dawson, Drew, and Nicola Encel. "Melatonin and sleep in humans." Journal of pineal research 15.1 (1993): 1-12.
  • Cajochen, C., K. Kräuchi, and A. Wirz‐Justice. "Role of melatonin in the regulation of human circadian rhythms and sleep." Journal of neuroendocrinology 15.4 (2003): 432-437.
  • Dahlitz, M., et al. "Delayed sleep phase syndrome response to melatonin." The Lancet 337.8750 (1991): 1121-1124.
  • Pandi-Perumal, S. R., et al. "Melatonin and sleep in aging population." Experimental gerontology 40.12 (2005): 911-925.
  • Zhdanova, Irina V., Harry J. Lynch, and Richard J. Wurtman. "Melatonin: a sleep-promoting hormone." Sleep 20.10 (1997): 899-907.
  • Brzezinski, Amnon, et al. "Effects of exogenous melatonin on sleep: a meta-analysis." Sleep medicine reviews 9.1 (2005): 41-50.
Gli integratori alimentari non vanno intesi come sostituti di una dieta varia ed equilibrata abbinata a uno stile di vita sano. La melatonina contribuisce alla riduzione del tempo richiesto per prendere sonno.